Marco Equizi

Vedi libri personali pubblicati

Nato a L’Aquila, avvocato, Marco Equizi si appassiona alla fotografia appena ventenne, durante gli studi universitari. Seguendo il consiglio del fotografo professionista Marco Mastrantonio, inizia a scattare con una reflex monobiettivo a esposizione manuale, nonostante il mercato già offra corpi a elevata automazione; studia quindi, da autodidatta, le opere e le tecniche di artisti come Ansel Adams e delle firme della National Geographic Society, quali James L. Stanfield, Jodi Cobb e Steve McCurry.

Nel 2009, terminato il percorso di studi con l’abilitazione professionale forense, si dedica nel tempo libero alla fotografia digitale, riprendendo quanto appreso e affinando le sue capacità, appassionandosi al minimalismo, scattando con poca luce o in notturna. Pur rimanendo fedele all’amore per la disciplina paesaggistica, esplora nuovi generi quali il ritratto e la fotografia di sport, infine si lascia trasportare dall’emozione nel documentare l’impatto del violento sisma sulla sua città d’origine.

Nel 2010 decide di raccogliere alcuni album sulla pagina facebook “Ma.Eq.Photography”, oggi diventata la sua vetrina sul social network con diverse centinaia di seguaci.

All’attivo conta quattro mostre personali (Lost Shots – An analogic romance, libreria Polarville, 2017 // INVICTA – L’Aquila Bella, libreria Polarville, 2016 // L’Aquila risorge, Segnali di una ricostruzione – L’Aquila rises, Signs of a reconstruction, anteprima Museo Sperimentale di Arte Contemporanea – MU.SP.A.C. – ed esposizione completa Palazzetto dei Nobili, 2015 // L’Aquila Silenziosa – Silent L’Aquila, MU.SP.A.C., 2014), sette mostre collettive e diverse pubblicazioni su libri e riviste. I libri fotografici di Marco Equizi sono disponibili su blurb.com